Il gioco della coppia

di Irene Giancristofaro

immagine il gioco della coppia.jpg

“Il gioco della coppia” è uno spettacolo di prosa di Eugène Ionesco che, nella stagione teatrale 2013-14 del Fenaroli di Lanciano, è andato in scena con la regia di Sergio Di Paola.
Eugène Ionesco, scrittore e drammaturgo di origini romene vissuto durante il secolo scorso, è stato uno dei fondatori del teatro dell’assurdo o teatro della derisione.“Il gioco della coppia”, liberamente tratto dall’opera “Delirio a due”, è una pièce in cui viene rappresentata l’incomunicabilità della coppia, la cui dialettica spesso raggiunge livelli surreali. I protagonisti litigano e si insultano mentre fuori della loro abitazione irrompono gli echi di una guerra.
L’incapacità di porsi su un meta-contesto vieta loro ogni possibile comprensione dei propri vissuti ed agiti emotivi. Si mostrano, così, angosciati e privi di uno scopo esistenziale che li sottragga alla mera abitudine di vivere. I personaggi appaiono incapaci di comprendersi e di comprendere l’altro. Il copione sembra reggersi prevalentemente sulle loro pretese reciproche e sull’inconscio desiderio di ottenere la dipendenza dell’altro.
È un’opera che non riscalda e non consola, proponendo personaggi irriverenti, egoisti ed irritanti che cercano di cambiare le cose solo attraverso tentativi ed errori, come si fa giocando a sudoku. La scenografia dello spettacolo ricorda proprio lo schema di un sudoku, regalato ad ogni spettatore all’ingresso a teatro, ma anche le sottili sbarre o fili di ferro di una gabbia in cui sentirsi rinchiusi.
Il linguaggio abusato dei protagonisti non è portatore di senso ma indice di una vita di cui semplicemente ci si approfitta. Lo stile di questo linguaggio irruppe sui palcoscenici negli anni cinquanta e venne proposto anche da altri autori quali Samuel Beckett e Harold Pinter.
Negli stessi anni, al cinema, il regista italiano Michelangelo Antonioni affrontò i temi dell’incomunicabilità di coppia e del disagio esistenziale, portando sul grande schermo i film che segneranno la fine del neorealismo.

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...